A dieta dopo Pasqua: consigli e trucchi per ritrovare la linea

Avete deciso di mettervi a dieta dopo Pasqua perché uova di cioccolato, pastiere, colombe e banchetti pasquali vi hanno lasciato qualche chilo in più? Combattete da sempre con il sovrappeso? Per perdere peso rivolgetevi a un dietologo che formulerà una dieta adatta alle vostre esigenze specifiche. Ma perdere peso è anche una questione di autocontrollo e richiede uno sforzo mentale e qualche piccolo stratagemma e compromesso. Se volete ritrovare la linea mettendovi a dieta dopo Pasqua, ecco 20 consigli di dietologi e nutrizionisti che vi aiuteranno a perdere peso senza troppi sforzi e a seguire con meno fatica la dieta che vi ha indicato il vostro medico.

A dieta dopo Pasqua, regola numero 1: una buona idratazione

Mantenetevi ben idratati, bevendo acqua regolarmente. Una buona abitudine che attenua gli attacchi di fame. Spesso infatti si scambia la sete per appetito, mangiando più del necessario.

A piccoli passi

diario dietaFissate obiettivi realistici e suddividete il piano in obiettivi intermedi, ad esempio perdere il 10% dei chili che volete perdere. Non fatevi attrarre dalle diete lampo che promettono di farvi perdere 10 chili in un mese. Uno-due chili al mese è un obiettivo più salutare che vi permetterà di perdere i chili in più una volta per tutte. Dopo aver perso 8-10 chili cercate di mantenere quel peso per almeno 6 mesi prima di seguire altre diete dimagranti.

Non passate subito da un regime a base di abbuffate senza regole a una dieta rigida fatta di privazioni eccessive. Introducete le abitudini salutari gradualmente, una o due alla settimana, per farle diventare una routine senza fatica.

Agite per sostituzioni. Ad esempio sostituite la maionese con salsa di pomodoro piccante meno calorica, ma ugualmente gustosa e gratificante per il palato. Quando siete a pranzo fuori fatevi mettere da parte 1/3 dei piatti, che consumerete a casa il giorno seguente. Una strategia che può tagliare l’introito calorico di ben 500 calorie al giorno. Imparate a cucinare piatti sani e nutrienti che siano anche gustosi. Essere a dieta non significa dover mangiare insalata scondita ogni giorno! Usate le erbe aromatiche e le spezie per regalare sapore ai vostri piatti senza aggiungere calorie.

Programmate gli “sgarri”

Lasciate due pasti liberi ogni settimana in cui concedervi degli strappi alla regola o andare a mangiare fuori. Vi aiuterà ad avvertire meno il peso delle privazioni e a seguire la dieta più a lungo.

La regola dei 10 minuti

Quando vi viene voglia di mangiare fuori pasto o di snack golosi aspettate almeno 10 minuti prima di cedere alla tentazione. Uscite a fare due passi, pulite il bagno, tenetevi occupati in compiti che vi distraggano dal pensiero ossessivo del cibo.

Pasti frequenti ma più leggeri

pasti leggeri verdureIl processo di digestione brucia calorie. Meglio dunque mangiare 5 volte al giorno, facendo pasti più leggeri intervallati da due merende sane, come uno yogurt, un frutto fresco o o una manciata di frutta secca. A pranzo, a colazione e a cena non mangiate mai in piedi e andando di fretta. Sedetevi, masticate lentamente e gustatevi il pasto concentrandovi su ogni boccone. Mangiare di fretta, distrattamente, in viaggio o durante la tv porta a consumare centinaia di calorie in eccesso ogni giorno senza rendersene conto. Un altro trucco per mangiare meno è usare piatti più piccoli. Un inganno “visivo” per la mente, che li vedrà pieni e spingerà a pensare di aver mangiato di più.

Niente alcol e bevande gassate nella lista della spesa

Un altro ottimo stratagemma per tagliare le calorie è rinunciare agli alcolici e alle bevande gassate e zuccherate. Meglio consumare solo acqua. In caso vogliate bere alcolici cercate di limitare il più possibile le dosi, fermandovi a un bicchiere di vino o a una birra una volta ogni tanto in situazioni sociali in cui proprio non potete farne a meno. Se venite invitati a cena offritevi di portare un piatto e preparate una ricetta dietetica a base di verdure, in modo che possiate avere qualcosa da mangiare di poco grasso e salutare. Aumentate leggermente l’apporto proteico per sentirvi sazi più a lungo e bruciare più calorie accelerando il metabolismo.

Nutrite l’autostima

Non aspettate di aver perso i chili in più per ricompensarvi e sentirsi a vostro agio con voi stessi. La bassa autostima porta a ingrassare! Compratevi subito vestiti della vostra taglia, curate il vostro taglio e amatevi come siete. È un buon modo per liberarvi gradualmente dei chili di troppo e ridurre gli attacchi di fame nervosa dovuti alla frustrazione, all’infelicità e all’insoddisfazione.

In caso di sgarri alla dieta non scoraggiatevi. Tutti possono sbagliare. Non sarà un solo errore a pregiudicare il risultato finale. Se una sera avete esagerato il giorno dopo riprendete la dieta normalmente. Ricordatevi che è quello che facciamo ogni giorno a fare la differenza, non gli strappi una volta tanto!

Via lo stress

dieta relax via lo stressRilassatevi e tenete a bada lo stress. Quando siamo stressati l’ormone cortisolo e l’insulina lavorano insieme per immagazzinare grasso e proteggerci dal carico emotivo e fisico eccessivo, ritenuto ovviamente una minaccia per la sopravvivenza. Rallentare, sorridere e prendervi delle pause rigeneranti è un ottimo modo per bloccare questo meccanismo. Respirate, praticate yoga e meditazione, concedetevi un bagno caldo, telefonate a un amico o fate una bella passeggiata nella natura per produrre meno cortisolo e avere meno attacchi di fame nervosa.

Esercizio fisico tre volte alla settimana

Con il consenso del vostro medico, allenatevi tre volte alla settimana per almeno 30 minuti: una corsetta nel parco, una passeggiata di un’ora a passo veloce o in bicicletta. Anche semplicemente fare più spesso le scale, camminare invece di prendere l’autobus o la macchina o trovare hobby come il ballo che richiedano uno sforzo fisico vi aiuterà a dimagrire e a rimanere tonici, accelerando il metabolismo.

Foto: Pixabay

Commenti

commenti

Tags:

L'autore

Reply

Cosa ne pensi?