Salute ed equilibrio vita-lavoro, 3 consigli a costo zero

Nell’attuale contesto socio-culturale, caratterizzato da ritmi forsennati, molti lavorano duramente per essere in grado di raggiungere quante più soddisfazioni possibili nella loro carriera, in modo da offrire a se stessi e alle proprie famiglie una vita più serena ed agiata. Non bisogna mai perdere d’occhio la propria salute e felicità. Scopriamo come con 3 semplici ma utili consigli.

Salute e lavoro

Non c’è nulla di male a voler lavorare sodo, anzi. L’importante è però non diventare dei ‘Workaholics’, ovvero dei maniaci del lavoro, dimenticando come vivere una vita normale ed in salute, e senza livelli di stress troppo elevati, finendo per dedicare la maggior parte delle energie fisiche e mentali al lavoro, mettendo da parte tutto il resto.

Tale atteggiamento non aiuta a preservare la propria salute e quella di coloro che ci stanno accanto, a vivere bene e dare il meglio di sé sia nella vita personale che nell’ambito lavorativo, e può addirittura portare alla perdita dell’equilibrio lavoro-vita, il cosiddetto ‘work-life balance’. Non è infatti vero che bisogna compromettere la propria vita personale ed il proprio benessere al fine di avere successo in ambito professionale.

Solo se si è in grado di applicare un certo equilibrio alla propria vita personale e alla propria carriera, infatti, si riesce ad affrontare nella maniera più intelligente le sfide che ci si pongono davanti. Oltre ad un’efficiente gestione del tempo e delle proprie priorità, vi sono alcuni aspetti che è fondamentale non trascurare. Di seguito alcuni suggerimenti per migliorare l’equilibrio tra sfera personale e professionale:

1. Rispettare il proprio tempo

Bisogna dare al corpo il tempo di dormire, riposare, e ricaricare le batterie delle nostre energie fisiche e mentali. Ciò rende possibile essere produttivi ed efficienti e affrontare le sfide quotidiane con mente fresca e alti livelli di energia. Viaggiare e staccare dalla routine quotidiana è inoltre consigliato per distogliere la mente dal lavoro e dalle problematiche di tutti i giorni, in modo da ritornare alla vita quotidiana con rinnovata voglia e motivazione.

2. Mangiare bene e ai momenti giusti della giornata

Per far rendere il corpo al massimo è consigliabile una dieta equilibrata, che possa fornire all’organismo alti contenuti di vitamine, minerali e altri nutrienti. I seguenti gruppi alimentari sono essenziali in tal senso per dare all’organismo i nutrienti necessari ad un funzionamento salutare:

  • Frutta
  • Verdure
  • Proteine, fibre e grani integrali
  • Latticini e formaggi (con moderazione)
  • Olio (con moderazione, preferibilmente extra-vergine)

Ancora più importante, è fondamentale sapere quali alimenti e sostanze dovrebbero essere ridotti o eliminati da una dieta in modo da mantenere l’organismo in forma e non danneggiarlo:

  • Alcol
  • Prodotti raffinati e contenenti grassi saturi
  • Prodotti conservati e pre-confezionati
  • Sale
  • Zuccheri

Il fumo non è in sé un alimento ma rientra sicuramente tra le abitudini che dovrebbero essere eliminate per vivere al meglio e preservare il proprio organismo.

3. Fare attività fisica

Oltre alle ovvie qualità per la salute e la cura del proprio corpo, diversi sono gli studi sugli effetti psicologici dell’attività fisica che hanno portato alla scoperta che una regolare attività può contribuire a migliorare l’umore e le energie, aiutando allo stesso tempo a ridurre la possibilità di sviluppare depressione, ansia, contribuendo a una migliore gestione dei livelli di stress.

È consigliabile praticare attività sportiva sia in gruppo per poter anche socializzare, oppure individualmente, in modo da potersi concentrare sui propri obiettivi sportivi per la durata dello sforzo fisico. In ogni caso, è fondamentale dedicare il corretto tempo allo sport anche per coloro che conducono una vita professionale intensa e dispendiosa.

Visita PharmaTruck e trova tanti prodotti per la cura del tuo corpo e per l’attività fisica da parte delle farmacie e parafarmacie nella tua zona.

Commenti

commenti

L'autore

Reply

Cosa ne pensi?