Valori ottimali del colesterolo: impariamo a riconoscerli

I valori ottimali del colesterolo cambiano a seconda dell’età, peso e genere. Con l’avanzare dell’età, per esempio, il corpo di una persona tende a produrre una maggiore quantità di colesterolo. Motivo per cui tutti gli adulti dovrebbero fare il controllo del colesterolo ogni 4 o 6 anni al massimo. I bambini vanno controllati solo una o due volte fino al raggiungimento della maggiore età.
E’ importante monitorare i livelli di colesterolo già a partire dalla tenera età, perché più si cresce più è difficile trattare i problemi di colesterolo.

Il colesterolo è una lipoproteina che può essere suddivisa in tre tipologie:
– a densità molto bassa (VLDL)
– ad alta densità (HDL), o colesterolo buono
– a bassa densità (LDL), o colesterolo cattivo

Valori ottimali del colesterolo negli adulti

Molte persone faticano a mantenere un equilibrio tra i tre tipi di colesterolo (VLDL, HDL e LDL). Mentre il colesterolo totale e il cattivo colesterolo dovrebbero avere un valore basso, il colesterolo buono può restare alto. Questo perché l’HDL offre una valida protezione contro gli attacchi di cuore e ictus.

Di norma sono perlopiù gli uomini a soffrire di colesterolo alto. Nelle donne i valori del colesterolo tendono ad aumentare con l’arrivo della menopausa.
Negli adulti il valore ottimale di colesterolo deve essere inferiore ai 200 mg/dL. Tra i 200 e 239 mg/dL siamo già ad un livello borderline tendente all’alto, mentre 240 mg/dL e oltre è decisamente troppo alto.

I valori del colesterolo cattivo dovrebbero essere inferiori ai 100 mg/dL. Valori fino ai 129 mg/dL sono accettabili solo in soggetti che non hanno problemi di salute; potrebbero però essere pericolosi per chi ha malattie cardiache o presenta fattori che lo espongono a rischio. Tra i 130 e i 159 mg/dL il valore è borderline, fino ai 189 mg/dL è alto, dai 190 mg/dL in su è molto alto.

I valori ottimali del colesterolo buono sono invece da mantenere alti. L’ideale è un valore che si aggira attorno ai 60 mg/dL e oltre. Livelli inferiori possono causare problemi a chi è a forte rischio di malattie cardiache.

Come si comporta il colesterolo nei bambini?

I bambini dovrebbero avere un valore del colesterolo totale inferiore ai 170 mg/dL. Tra i 170 e i 199 mg/dL siamo ad uno stadio borderline, mentre dai 200 mg/dL in su stiamo già parlando di valori troppo alti.

I valori ottimali di colesterolo cattivo nei più piccoli corrispondono a meno di 110 mg/dL. Tra i 110 e 129 mg/dL la situazione comincia a diventare rischiosa. Dai 130 mg/dL in su deve scattare un deciso campanello d’allarme.

Cosa fare per evitare i problemi di colesterolo alto

Per mantenere un livello ottimale di colesterolo, si raccomanda innanzitutto una dieta sana e del regolare esercizio fisico (almeno mezz’ora al giorno). Negli adulti, così come in bambini e adolescenti.

Un cambio decisivo verso uno stile di vita più sano potrebbe funzionare, ma sarà sempre meno efficace man mano che il soggetto invecchia.

Si consiglia una visita soprattutto agli adulti che hanno superato i 20 anni di età. E’ necessario recarsi subito dal medico se i livelli di colesterolo totale e cattivo sono alti. E, naturalmente, se il soggetto è in sovrappeso o ha una certa familiarità con gli attacchi di cuore.

A chi soffre di colesterolo alto si consiglia una dieta con meno grassi saturi e più fibre e proteine. Per le persone che seguono la dieta TLC (therapeutic lifestyle changes) il fabbisogno giornaliero è composto solo dal 7% di grassi saturi. inoltre, i valori del colesterolo devono stare sotto ai 200 mg/dL.

Se dieta ed esercizio fisico non dovessero essere sufficienti, allora si deve valutare con il medico la possibilità di assumere dei farmaci specifici che vanno ad abbassare i livelli di colesterolo.

Foto: via Pixabay

Commenti

commenti

L'autore